FUNE DI VINCOLO

SI PRECISA CHE QUANTO ESPOSTO NEGLI ARTICOLI NON RAPPRESENTA, E NON PUÒ RAPPRESENTARE, NÈ LE POSIZIONI DELLA SEZIONE DI ROMA NÈ TANTOMENO QUELLE DELL'ASSOCIAZIONE, MA COSTITUISCONO MERAMENTE OPINIONI RIFERIBILI AL SOLO AUTORE.

Un altro anno se ne va

Si avvicina la fine di questo 2011 e, come consuetudine, è tempo di bilanci.
Anche se tracciare il bilancio dell’attività della Sezione dell’ANPdI di Roma spetterebbe al Presidente (immagino che lo farà in queste pagine), permettetemi di  effettuarne uno personale e, fra quanti avranno la pazienza e la bontà di leggermi fino in fondo, qualcuno forse lo condividerà e farà suo.
La mia iscrizione alla Sezione di Roma risale al lontano 1969, ma ho smesso di frequentarla nel 1985 per motivi che ritengo inutile esplicitare, perdendo i contatti con i miei commilitoni e gli altri amici che continuavano a farne parte. Anche al di fuori del contesto associativo, ho comunque vissuto la mia vita da paracadutista, continuando ad esserlo nel più profondo di me..

Le notizie che mi arrivavano sporadicamente non mi invogliavano affatto a riaffacciarmi da quelle parti, inoltre l’attività lancistica aveva perso lo spirito che  l’aveva  caratterizzata  negli anni 70 e i lanci sotto controllo militare erano sempre più rari.

Gli anni passano, permettetemi di dire troppo in fretta, e dopo 25 anni, senza alcuna avvisaglia che lasciasse presagire un mio ravvicinamento,  mi  sono  ritrovato  di nuovo, ormai grandicello, completamente immerso nella realtà associativa della Sezione ANPdI di Roma. Mai dire mai! In maniera naturale, ci sono scivolato dentro, senza rendermene conto,  semplicemente sposando il programma di Adriano Tocchi appena eletto Presidente; così ho rinnovato la tessera (per la storia la n. 1402) e ho iniziato a partecipare alle cene del primo martedì del mese.
La prima cena cui partecipai fu quella di maggio, dove incontrai, dopo 40 anni, il mio istruttore Adriano Fava insieme ad altri due o tre “vecchi” paracadutisti. A quell’incontro conviviale, ci ritrovammo seduti a tavola non più di 15  commensali.

Fu in quella occasione che il neo Presidente iniziò a parlare di un programma di riorganizzazione della vita associativa, nel quale era compresa, tra l’altro, la rivitalizzazione delle cene di celebrazione del “primo martedì del mese”. Occorreva  adeguarsi ai tempi e creare un sito internet, che fungesse da luogo di confronto e di aggregazione al fine di ripristinare collegamenti con i paracadutisti allontanati e reclutarne di nuovi. Occorreva creare anche una mailing list per facilitare e rendere più frequenti i contatti.
Il primo coniglietto bianco è uscito dal cilindro del presidente, dopo una breve gestazione estiva: nel mese di settembre inizia a decollare, fra i continui pungolamenti (a volte in orario antelucano) di Adriano Tocchi, il sito magistralmente allestito dal nostro webmaster Max Cocciolo. Inizia anche la raccolta di indirizzi email verso i quali il Presidente invia gli squilli di tromba dell’adunata! Si rispolverano i documenti associativi relativi ai corsi e si costituisce una pagina del sito dove progressivamente stanno afferendo gli emblemi dei corsi e gli elenchi degli allievi.

Risultato dell’operazione: alla cena del “primo martedì” di ottobre partecipano circa 90 paracadutisti fra i quali alcuni giovani ma anche tanti vecchi camerati con un po’ di bianco nei capelli (per chi ancora ce li ha!). Tutti percepiscono con soddisfazione  “un vento di novità” che attraversa la Sezione di Roma.
Tempus fugit, e ci ritroviamo a celebrare il “primo martedì” di novembre. Questa volta i partecipanti alla cena superano il numero di 100! Il programma della serata prevede la premiazione dei partecipanti alla staffetta Tarquinia-Livorno, organizzata dalla sezione di Roma ed effettuata, il 22 ottobre, in occasione della festa della Brigata Folgore. Ad illustrare questo evento è la presenza, al tavolo centrale, di ospiti quali il Gen. Masiello e il Gen. Satta della Brigata FOLGORE,  ed autorità politiche che condividono questo nuovo corso della Sezione e che, con la loro partecipazione, intendono  testimoniare la validità del progetto. Curioso episodio della serata lo scambio, fra il generale Masiello ed il Presidente Tocchi, del diploma di partecipazione: ambedue avevano corso una frazione della staffetta!

Alla cena del 6 Dicembre hanno ancora risposto alla chiamata rancio più o meno 100 paracadutisti. La serata ha voluto essere un omaggio alle “nostre donne”, alle “socie”  che, al nostro fianco, ci permettono di vivere una vita di Paracadutisti con la P maiuscola (ma questo concetto potete leggerlo espresso nell’articolo a loro dedicato).
In questa occasione il tavolo centrale è stato onorato dalla presenza del  Gen. Fantini, Presidente Nazionale della nostra Associazione e da quella di un buon numero di  Presidenti delle Sezioni ANPdI della nostra Zona. Il generale Fantini ha consegnato, a sorpresa, all’onorevole Cangemi, assessore Enti Locali e Sicurezza della Regione Lazio ed ex ufficiale della Brigata Folgore, la tessera di socio della sezione di Roma.

Credo che la chiave di lettura di una partecipazione così ampia di Presidenti delle sezioni ANPdI della zona possa essere quella di un consenso all’iniziativa, fortemente voluta dal Presidente Tocchi, che prevede la realizzazione di una Scuola di Paracadutismo della Regione Lazio. Un altro coniglietto bianco dal cilindro del  capo!
Progetto intrigante e forse ambizioso, ma che denota la ferma volontà di far crescere la nostra Associazione e aggregare i paracadutisti non solo  in occasione di celebrazioni e ricorrenze ma anche per  recuperare l’attività qualificante della nostra specialità.

Voglio concludere auspicando che tutto ciò che è stato fatto in questi 6 mesi del 2011, non rappresenti altro che la fase di “rullaggio”, e che il  2012 possa essere  l’anno del “decollo”  della Sezione di Roma.

Sono sicuro che, grazie al cilindro del Presidente e alla dedizione degli iscritti, il nostro “gesso” volerà veramente in alto.
Buon Natale camerati, e buon 2012 a tutti!

Folgore!

A.N.P.d'I. sez. di Roma

Via Sforza, 5
00184 - Roma - Italia
Tel.: (+39) 06 47.45.811
e-mail: anpdi.sezroma@gmail.com

Orario sezione

Martedì e Giovedì
dalle ore 18.00
alle ore 20.00